Pakistan, Una Nuova Ferdinandea? NO.

Vi ricordate della misteriosa isola che non c’è ? L’isola Ferdinandea che giace sul fondo del Mar Mediterraneo di cui avevo avuto modo di parlarvi in questi due precedenti post :
L’isola Che Non C’è
Ferdinandea I Misteri Dell’Isola Che Non C’è

Nei giorni scorsi un terremoto di magnitudo 7.8 ha colpito il Pakistan e oltre a vittime e a distruzione ha portato anche a far emergere dal mare una piccola “ISOLA”.

20130924_gwadar-isle3

La piccola isola emersa al largo della costa di Gwadar a seguito del terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito ieri il Pakistan, potrebbe essere solo “un castello di fango poggiato sul fondo marino“: lo riferisce Gianluca Valensise, sismologo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano. Il sismologo ha spiegato che l’isola, spuntata a 400 chilometri dall’epicentro, non può essere un effetto diretto della deformazione causata dal sisma, che di solito agisce solo sulla crosta terrestre più prossima.
E’ un’isola effimera“, afferma il sismologo, “come l’isola Ferdinandea in Sicilia, anche se la genesi è diversa“. L’isola Ferdinandea è la bocca di un vulcano emerso tra Sciacca e l’isola di Pantelleria a seguito di un eruzione nel 1813: anche in questo caso, la piccola terra emersa va e viene in base alla marea, e non si tratta di una vera e propria isola. Nel caso della terra emersa a Gwadar, Valensise spiega che “si tratta di un fenomeno raro e non ci sono molti studi, ma si può affermare che nel sottosuolo, a bassa profondità, ci siano sedimenti che si sono liquefatti, e con le sovrapressioni del terremoto sono usciti fuori“. Nemmeno uno scoglio, quindi, ma solo sedimenti che il mare potrebbe portare via in pochi giorni. Secondo Valensise un fenomeno simile non è mai accaduto nel Mediterraneo, ma ce ne sono altri esempi nel mare Indiano: altre isole di fango sono apparse in Azerbaijan (1902), a Sumatra (2004) e a Makran (1945, 2001), probabilmente a causa di fondali marini bassi e condizioni di pressione particolari. La nuova isola di fango, a largo del porto di Gwadar, nel mar d’Arabia, è alta tra i quattro e gli otto metri e lunga tra i 50 e i 100 metri.

0621-300x201

Quando un sisma così forte fa crescere la pressione, c’è la possibilità che simili isole emergano“, ha spiegato il direttore dell’agenzia,Zahid Rafi, aggiungendo che “questo grande shock sotto la superficie della Terra causa molti disturbi“.Rafi ha detto che simili cumuli possono essere creati dal movimento dei gas rinchiusi sotto il mare, i quali spingono il fango e la terra verso la superficie, in una specie di vulcano di fango.
Per capire se l’isolotto sarà permanente, gli scienziati dovranno prelevare campioni dei materiale di cui è composto per verificare se si tratta di fango morbido, rocce o materiali più duri. Isole del genere, ha spiegato Rafi, possono restare sopra la superficie per tanto tempo oppure scendere nuovamente nell’oceano, a seconda della loro composizione.  Un team della marina pakistana ha raggiunto l’isola intorno a mezzogiorno, come ha confermato il geologo della marina Mohammed Danish all’emittente Geo Television. Il cumulo, ha precisato, è alto circa 18 metri, lungo 30 metri e largo 76 metri. “Ci sono pietre e fango“, ha detto Danish, avvertendo i residenti locali di non visitare l’isola. “Stanno ancora uscendo dei gas“, ha spiegato. Ma il vicecommissario del distretto di Gwadar,Tufail Baloch, ha detto che decine di persone lo hanno già fatto e lui stesso si è recato sul posto a bordo di una barca questa mattina.
Tufail ha raccontato che sull’acqua erano visibili delle bolle provocate probabilmente dai gas che uscivano da sotto la superficie dell’acqua. Nella zona, ha aggiunto, si sentiva l’odore di gas che ha preso fuoco quando alcune persone hanno acceso delle sigarette. Intorno all’isola si vedevano inoltre galleggiare dei pesci morti.  Secondo un idrografo della marina pakistana, Muhammed Arshad, simili isole comparvero al largo delle coste del Pakistan dopo i terremoti del 1999 e 2010. Questi cumuli, che sorsero a circa 280 chilometri a est di Gwadar, scomparvero poi dopo un anno durante la stagione dei monsoni. Nella zona dove è emersa ieri la nuova isola, ha precisato l’esperto, il mare è profondo soltanto sei o sette metri.

FONTE : http://m.meteoweb.eu/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...