Arduino, l’orgoglio Open Source italiano.

Oggi parliamo di un prodotto Made in italy che sta rivoluzionando il mondo dei sistemi di sviluppo e prototipazione rapida principalmente nel campo elettronico , Arduino.

Arduino nasce in Italia nel 2005 da un’idea di Massimo Banzi e del suo team per rendere disponibile ai  suoi studenti (dell’ Interaction Design Institute di Ivrea) un sistema a microcontrollore a basso costo senza tralasciare le performance, ma oltre al sistema Hardware si inizia a cercare un linguaggio e un  software adatto,  chiaro, di facile comprensione, e che girasse su tutti i sistemi operativi per pc. Il suo sviluppo inizia pochi mesi dopo l’apertura di questo istituto (2001) ,  dopo svariate “schede” e dopo svariati tentativi di creare un linguaggio di programmazione e un IDE adatto a tale scopo nasce il “Wiring” che ancora oggi è il linguaggio di programmazione entry-level utilizzato da Arduino e anche dai suoi cloni (ricordatevi che il vero Arduino è italiano! diffidate dalle imitazioni).

Cosa si può realizzare con Arduino?

Non è facile rispondere, ma qualunque cosa hai in mente, qualunque progetto grande o piccolo, facile o difficile , Arduino è pronto a darti una mano, prendiamo come esempio il mondo delle stampanti 3D , bene , esse si sono evolute così velocemente anche grazie allo stesso Arduino, offrendo  il mondo della stampa 3D a chiunque, e quindi mettendo a disposizione uno strumento in più per tutti coloro che come hobby , o perché no, anche come lavoro , hanno il bisogno di creare oggetti senza particolari complicazioni , rendendo possibile il passaggio da uno schizzo su un foglio (anche virtuale)  al prodotto finito.

Coma si presenta Arduino?

Arduino si presenta come una normale scheda elettronica dalle dimensioni più o meno paragonabili ad un cracker, nella scheda è presente un microcontrollore  Atmel- Atmega (esso cambia a secondo della versione) che è il cuore, il cervello di tutto il sistema, in esso è presente il bootloader precaricato che ci permette di “inviare” il codice scritto nel pc alla scheda senza l’utilizzo di un apposito programmatore esterno , inoltre nella scheda troviamo tutto ciò che serve a far funzionare  il cervello, abbiamo un regolatore di tensione (che serve a stabilizzare la tensione che immettiamo come alimentazione alla scheda), alcuni componenti elettronici che non sto qui  ad elencare , un jack per l’alimentazione, è un connettore USB. (nello specifico Arduino può essere alimentato sia dalla porta USB presente a bordo , sia dal jack di alimentazione, ma ricordiamoci che tutti i pc erogano un massimo di 700mA, che a secondo di cosa si utilizza potrebbero essere non sufficienti a garantire il regolare funzionamento della scheda)

Arduino è già bello e pronto per connettersi con tutto ?

Arduino da solo,non può svolgere tutte le funzioni per il quale è stato creato, quindi ha bisogno di una serie di circuiti di interfaccia con hardware specifico per collegarsi con l’esterno, queste interfacce vengono chiamate “shield” ovvero scudi (scudi perché servono a proteggere le linee I/O di Arduino), essi si montano a sandwich sulla scheda grazie alla particolare piedinatura. Di shield ne esistono a centinaia,  sono Open Source , quindi possono anche essere auto-costruiti se ne avete le capacità, oppure potete optare per comprarli belli e pronti nello store ufficiale del progetto Arduino o presso i negozi di componenti elettronici. alcuni esempi di shield sono : il motorshield, che permette di pilotare un motore in corrente continua, agendo su direzione e velocità; lo shield IN/OUT che permette di interfacciare Arduino con vari sensori  e varie uscite proteggendoli da danni provocati da sovratensioni; lo shield sd-card , che come avete capito dal nome, permette ad Arduino di interfacciarsi con le memorie di massa SD, e quindi  si può andare a realizzare un datalogger di temperature per esempio.  Ma non finisce qui, non esiste un numero ben definito di shield , infatti per ogni esigenza diversa da quelle che possiamo chiamare “standard” si può creare un apposito shield home made.

Ma quanti shield posso montare su un’Arduino ?

Non esiste un limite di shield che si possono utilizzare, ma tenete conto  che ogni shield per funzionare ha bisogno di un certo numero di I/O e che variano a secondo del tipo di arduino, e che quindi il numero di shield montabili dipende da quanti I/O dispone Arduino e di quanti I/O ha bisogno lo stesso shield.

Come si programma Arduino?

IDE di Arduino

Basta avere un pc su cui è installato l’apposito IDE, basta avere un pochino di pazienza, buona capacità di riflessione, e essere abili a scrivere con il pc, il gioco è fatto, dopo che realizzi il primo programma non puoi più fare a meno di Lui .

La mia esperienza con questo sistema.

Personalmente ho iniziato a conoscere il progetto Arduino verso la fine del 2010 , grazie alla disponibilità di internet e alla mia fame di conoscenza, ho seguito e seguo l’evoluzione di questo sistema, quest’estate  ho acquistato il mio primo starter Kit , e tutt’ora ci smanetto, da premettere che sono un Operatore Elettrico e quindi l’elettronica per me è una passione che inserisco tra i miei studi perché capisco che ,l’elettronica sta iniziando a convivere in simbiosi con applicazioni che anni fa erano destinati soltanto alla gemella dei lavori pesanti l’elettrotecnica.

Non ho incontrato nessuna difficolta a muovere i primi passi con Arduino, e ne consiglio l’utilizzo a tutti, soprattutto a chi vuole spingersi sempre oltre i confini di ciò che già esiste , sarebbe bello se tutte le scuole italiane di qualsiasi indirizzo (dalle  medie in su ) darebbero spazio a questa piattaforma di sviluppo, e  far scoprire a coloro che vengono chiamati “i nativi digitali” cosa realmente si può creare partendo da qualche componente, qualche riga di codice, e qualche idea buttata a casaccio.

Arduino è un prodotto italiano, disponibile a tutti, diffuso in tutto il mondo, sarebbe proprio un peccato non utilizzarlo.
Annunci

Un pensiero su “Arduino, l’orgoglio Open Source italiano.

  1. Pingback: 2013. Siamo Alla Frutta. | A Voi Tutti. Un Po Di Tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...